Questo sito utilizza i cookies, navigandolo accetti la relativa policy descritta nella pagina Privacy e cookies
il tuo carrello
il tuo carrello
Home
Page
Il numero
in edicola
Come
abbonarsi
Accade in
Conservatorio
Numeri
arretrati
Archivio
dal 1995
Offerte
commerciali
Pagine
Musica
Pubblicità
su Suonare.it
Seicorde,
solo chitarra
Contatta
la redazione
I sondaggi
di Suonare
Dati e
numeri


Fai di Suonare.it
la tua pagina iniziale!








Suonare News gennaio 2021 Editoriale
 

L'importanza vitale del pubblico ai concerti
di Filippo Michelangeli

Il lungo, doloroso, lockdown ha negato da mesi l’accesso degli spettatori a teatri e auditorium. La musica si può continuare ad ascoltare su cd, alla radio, davanti alla televisione, persino in diretta grazie allo streaming, ma l’atto creativo sul palcoscenico avviene in modo asettico


Quanto è importante il pubblico a un concerto? L’abbiamo capito meglio grazie al Covid e al lungo, doloroso, lockdown che sta affliggendo da mesi l’intero settore dello spettacolo dal vivo. Con i teatri e gli auditorium chiusi agli spettatori, ma agibili agli artisti che possono salire sul palcoscenico e trasmettere le loro performance in streaming sul web, l’assenza del pubblico è diventata un fatto concreto e, come dice l’antico adagio popolare: «ti accorgi dell'importanza di una cosa solo quando la perdi».
Sostenere che la musica non si sia mai fermata non è uno slogan. L’arte dei suoni ha continuato a riempire le nostre giornate nell’ascolto dei cd, della radio, della tv, nella fruizione sul web e, in modo più complicato, collegandosi con teatri e auditorium che trasmettono in streaming.
Ma quando ci sediamo davanti allo schermo di un computer, o teniamo le cuffie collegate a uno smartphone, o ci accomodiamo sul divano per vedere la televisione siamo pubblico? No, siamo semplici fruitori, non potendo in alcun modo intervenire con il nostro corpo, con le nostre mani, con il nostro respiro durante l’atto creativo. Gli artisti che ascoltiamo e vediamo, anche se si producessero in diretta, non ci vedono, non ci sentono, non entrano mai in contatto con la nostra energia, con il nostro consenso – l’applauso, la richiesta di bis – o il nostro dissenso – il silenzio o il “buare” di un loggione.
Il punto è che fino a ieri del pubblico, della sua importanza nel concorrere all’atto creativo, se n’è sempre parlato poco. Diciamo la verità: il pubblico nella musica classica non è mai stato neppure una grande fonte di ricavi giacché tutto il sistema dello spettacolo dal vivo si è sempre basato sui finanziamenti pubblici. Da cui la rincorsa disperata ad ottenerli, se possibile implementarli, e a non perderli per nessun motivo. Non sono rare le rassegne caratterizzate dalla locuzione “Ingresso gratuito”, lasciando intendere che il conto economico è altrove.
Esporre sulle locandine “tutto esaurito”, peggio ancora “sold out”, è sempre stata considerata una pacchianata, una cosa disdicevole, un’americanata. Quello che contava era la qualità artistica e quindi, poco o tanto pubblico, era la stessa cosa.
Oggi gli spettatori si sono ripresi tutta l’importanza che si meritavano. Rimpiangiamo le signore sedute in prima fila, ingioiellate, impellicciate, a volte anche incompetenti, ma plaudenti, sorridenti, vitali, pronte a urlare un «bravo» e chiedere un bis. E le coppie canute, fedelmente abbonate alle società di concerti, le stesse che a volte si dimenticavano il cellulare acceso meritandosi la riprovazione generale e lo sguardo fulminante del solista. E i frettolosi, quelli che sull’ultima nota dell’orchestra si alzavano di scatto per conquistare l’uscita e non rimanere imbottigliati al guardaroba.
Finita l’emergenza sanitaria dovremo riconquistare gli spettatori, con la consapevolezza che sono un pezzo importante del momento artistico. Dovremo imparare a comunicare con loro meglio, a renderli partecipi di uno spettacolo di cui fanno parte a pieno titolo anche loro

 

 

Copyright © Michelangeli Editore - Tutti i diritti riservati. - hosting and web editor www.promonet.it

Michelangeli Editore S.r.l. viale Lombardia, 5 - 20131 MILANO
CF e P.IVA 10700160152