Questo sito utilizza i cookies, navigandolo accetti la relativa policy descritta nella pagina Privacy e cookies
il tuo carrello
il tuo carrello
Home
Page
Il numero
in edicola
Come
abbonarsi
Accade in
Conservatorio
Numeri
arretrati
Archivio
dal 1995
Offerte
commerciali
Pagine
Musica
Pubblicità
su Suonare.it
Seicorde,
solo chitarra
Contatta
la redazione
I sondaggi
di Suonare
Dati e
numeri


Fai di Suonare.it
la tua pagina iniziale!

Abbonati gratis alla
Newsletter di Suonare.it
Scrivi qui la tua e-mail

Garanzia di riservatezza,
legge 196/03

 
 
In primo piano: le News dal mondo dei CONSERVATORI

Castelfranco Veneto, al via i lavori per la nuova sede dello "Steffani"   - 19/10/2020

Tra i 22 Conservatori che hanno presentato la domanda, il Conservatorio “Steffani” di Castelfranco Veneto ha ricevuto 10 milioni, l’importo massimo ammissibile del bando ministeriale per i finanziamenti all’edilizia degli istituti AFAM, unico in Italia insieme al Conservatorio di Pescara. Nei giorni scorsi il suo Consiglio di Amministrazione ha unanimemente deliberato di accettare il finanziamento che prevede l’accensione di un mutuo della durata di 26 anni, con oneri di ammortamento a totale carico del Ministero, che saranno rimborsati dal 2020 al 2045. Sarà così realizzata la Cittadella universitaria della musica che, dopo 51 anni, darà al Conservatorio Steffani una sede propria, un progetto in cui hanno molto creduto Stefano Canazza, Direttore del Conservatorio dal 2016 e Nicola Claudio nominato quest’anno Presidente. Così come nel progetto del “distretto musicale” di Pescara, anche il progetto di Castelfranco prevede una riqualificazione di spazi cittadini con il restauro di un’area del centro storico composta da San Giacomo, Chiostro dei Serviti, Palazzo del Riccati, Casa Pavan e Palazzo Preti e l’apertura di un campus che ospiterà i circa 450 studenti italiani e stranieri del conservatorio e che fungerà da volano per l’economia della città e delle provincie di Treviso e Belluno. In circa cinque anni di lavori verranno riaperti accessi, come quello su Borgo Treviso con il ripristino del colonnato antico, creati spazi di musica, una biblioteca, bar, caffetteria, aule insonorizzate, laboratori, un auditorium, una piazza, una hall vetrata lungo via Riccati. L’intervento complessivo riguarda un’area di circa 3700 metri quadri su tre livelli, una vera “cittadella della musica” che darà allo"Steffani" una sede adeguata al suo ruolo di istituzione di respiro internazionale. © Riproduzione riservata


Padova, continuano le iniziative del progetto "Tartini 2020"

12/10/2020 - Si inaugura a Padova giovedì 15 ottobre 2020 la mostra “Giuseppe Tartini e la cultura musicale dell’ ... leggi tutto

Vicenza, al Conservatorio "Pedrollo" inizia il 15° Premio Nazionale delle Arti

05/10/2020 - Finalmente, dopo la chiusura ed i successivi rinvii dovuti all’emergenza sanitaria, inizia il Premio ... leggi tutto

Firenze, al "Cherubini" si terrà la Conferenza nazionale CNSI

28/09/2020 - Il Congresso AFAM 2019 si era tenuto al Conservatorio “Verdi” di Milano, quest’anno l’iniziativa con ... leggi tutto

Milano, riparte il progetto “La Scala fa scuola. Un coro in città”

21/09/2020 - Continua fino al 31 ottobre 2020 la raccolta fondi promossa dall’Accademia Teatro alla Scala per il ... leggi tutto

Le altre news dei Conservatori

Copyright © Michelangeli Editore S.r.l. viale Lombardia, 5 - 20131 MILANO - C.F. e P.IVA 10700160152 - Tutti i diritti riservati.